INTERNAZIONALIZZAZIONE.PRIMA PARTECIPAZIONE.FIERE.E.MOSTREInternazionalizzazione delle imprese, al via la digitalizzazione della procedura per l’accesso ai finanziamenti agevolati.

Da oggi è possibile inviare direttamente via PEC, le domande per i finanziamenti agevolati a valere sul Fondo 394/81 con firma digitale del Legale rappresentante.

Questa novità rientra nel processo più ampio che porterà in breve alla digitalizzazione di tutta la procedura per l’accesso ai fondi agevolativi per la internazionalizzazione delle imprese.

Si tratta di una importante novità che riguarda i finanziamenti agevolati che le imprese possono chiedere in particolare per i seguenti interventi: 1) Programmi di inserimento sui mercati esteri; 2) Studi di prefattibilità, fattibilità e assistenza tecnica 3) Patrimonializzazione per le PMI esportatrici; 4) Prima partecipazione a fiere e mostre

Sono state introdotte diverse semplificazioni per facilitare le aziende nella presentazione delle domande di finanziamento. Procedura aperta. Domande a sportello. Richiedi informazioni

 

PRIMA PARTECIPAZIONE A FIERE E MOSTRE

Al via la digitalizzazione della procedura per l’accesso ai finanziamenti agevolati per la internazionalizzazione delle imprese.

Da oggi e’ piu’ facile inviare le domande di finanziamento

 

LA NOVITÀ RIGUARDA I SEGUENTI INTERVENTI:

  • 1) Programmi di inserimento sui mercati esteri;
  • 2) Studi di prefattibilità, fattibilità e assistenza tecnica
  • 3) Patrimonializzazione per le PMI esportatrici;
  • 4) Prima partecipazione a fiere e mostre
 

Riservato alle PMI che vogliono partecipare per la prima volta ad una mostra/fiera in Paesi extra UE.

  • Finanziamento a tasso agevolato sul Fondo L. 394/81 e soggetto alla normativa comunitaria "de minimis" di cui al Regolamento UE n. 1407/2013 “de minimis”, pubblicato sulla GUUE il 24.12.2013

 

FINALITÀ

Incentivare la prima partecipazione ad una fiera/mostra sui mercati extra UE.
 
  • Al momento della presentazione della domanda l’impresa dovrà fornire un’autodichiarazione attestante che si tratta della prima partecipazione ad una specifica fiera/mostra.
 
  • Il finanziamento può essere concesso per la prima partecipazione a più fiere/mostre diverse, anche nello stesso Paese, ma non per più partecipazioni alla stessa fiera/mostra.
 

BENEFICIARI

 
  • Tutte le PMI aventi sede legale in Italia,
  • in forma singola o aggregata,
  • comprese quelle a partecipazione giovanile o femminile.
 
Nel caso di imprese aggregate la domanda è presentata dalla società capofila corredata dal mandato con rappresentanza sottoscritto dai partner.
 
Tutte le obbligazioni sono assunte dai partner solidalmente.

 

SETTORI ESCLUSI

Non possono essere finanziate le imprese operanti nei settori di attività esclusi ai sensi dell''art. 1 del regolamento UE n. 1407/2013

 

PAESI AMMESSI

Tutti i Paesi extra UE.
 
  • L’impresa può presentare più domande di finanziamento,
  • ogni singola domanda deve riguardare una o più fiere/mostre
  • da realizzarsi al massimo in tre Paesi di destinazione
  • La domanda deve essere presentata prima della data prevista per l’inizio della fiera/mostra.

 

SPESE FINANZIABILI

Le spese ammissibili al finanziamento di cui alla scheda programma sono:
 
  • - spese di funzionamento
    • affitto spazio espositivo e suo allestimento,
    • personale esterno,
    • ecc.;
  • - spese per attività promozionali
    • consulenze,
    • materiale pubblicitario,
    • workshop
    • e similari ecc. riconducibili alla fiera/mostra;
  • spese per interventi vari
    • 20% forfettario della somma delle spese precedenti.

 

DECORRENZA DELLE SPESE

Le spese sono finanziabili dalla data di arrivo della domanda di finanziamento.
 
 
 
AMMISSIBILITA' DELLE SPESE
 
Le spese sono ammissibili se direttamente collegate alla fiera/mostra e sostenute nel periodo di realizzazione del programma,
  • che decorre dalla data di presentazione della domanda stessa
  • e termina 18 mesidopo la data di stipula del contratto di finanziamento.

 

IMPORTO MASSIMO FINANZIABILE

  • € 100.000,00 per ciascuna PMI o aggregazione di PMI riconducibili alla stessa proprietà. 
  • € 300.000,00 per l’aggregazione di PMI non riconducibili alla stessa proprietà
  • (€ 200.000,00 nel caso di due PMI aggregate
  • ed € 300.000,00 nel caso di tre o più PMI aggregate).
 
Il finanziamento può coprire fino ad un massimo dell''85% dell''importo delle spese indicate nel programma
e può essere concesso per un importo non superiore a quello consentito dall’applicazione della normativa comunitaria "de minimis".
 
In ogni caso,
il finanziamento non può superare il limite del 12,5% della media del fatturato degli ultimi 3 esercizi.
 
Il finanziamento è deliberato dal Comitato Agevolazioni che ne determina la misura in base alla valutazione del programma promozionale e del preventivo delle spese.
 
ANTICIPAZIONE
 
Il finanziamento prevede un anticipo compreso tra
  • un minimo del 20% 
  • ed un massimo del 30% 
dell''importo del finanziamento concesso.

 

DURATA DEL FINANZIAMENTO

LA DURATA COMPLESSIVA È DI 4 ANNI
  • di cui 2 di preammortamento (per soli interessi)
  • e 2 di rimborso del capitale.
 
I periodi di preammortamento e rimborso possono essere ridotti su richiesta dell''impresa.
 

TASSO

Il tasso di interesse è pari al 15% del tasso di riferimento di cui alla normativa comunitaria.
 
In ogni caso tale tasso non può essere inferiore allo 0,50% annuo.

 

GARANZIE

 

Le erogazioni del finanziamento sono subordinate alla presentazione delle garanzie deliberate dal Comitato Agevolazioni tra le seguenti:
- fideiussione bancaria, 
- fideiussione assicurativa,
- fideiussione di Confidi
- fideiussione di Intermediari Finanziari 
- pegno su titoli di Stato.
 
Le garanzie rilasciate dalle PMI, che superino i criteri valutativi individuati ed approvati dal Comitato Agevolazioni, devono coprire almeno il 40% del finanziamento.

 

DOMANDA

L'impresa presenta la richiesta di finanziamento, inviando, una volta compilato, il modulo di domanda via PEC con firma digitale del legale rappresentante.
 
Al termine dell'istruttoria, la richiesta di finanziamento è sottoposta al Comitato Agevolazioni, sulla base di un criterio cronologico, entro 90 giorni dalla data di presentazione della domanda.
 
Il Comitato delibera in merito alla concessione del finanziamento ed alle relative garanzie.
 
A seguito della delibera e della stipula del contratto di finanziamento si provvede all'assunzione delle garanzie ed alle relative erogazioni.

 

CREDITI ALL'ESPORTAZIONE

  • (Decreto Legislativo  143/98, ex L. 227/77)

 

  • Il credito all'esportazione, nella duplice forma del credito acquirente e del credito fornitore, è uno strumento destinato a favorire le esportazioni di beni di investimento (macchinari, impianti, relativi studi, parti di ricambio, lavori e servizi) in tutti i paesi del mondo.

 

  • Tramite il contributo agli interessi su finanziamenti concessi da banche italiane o straniere, le imprese esportatrici italiane possono proporre agli acquirenti/committenti esteri, di pagare fino ad un massimo dell'85% del prezzo della fornitura mediante una dilazione di pagamento a medio/lungo termine (comunque non inferiore a due anni) a condizioni e tassi di interesse in linea con gli accordi OCSE.

 

  • Il restante 15% del prezzo della fornitura verrà corrisposto dall'acquirente in contanti.

 

FORNITURE SONO AMMISSIBILI

I beni forniti devono essere beni di investimento italiani:
  • macchinari,
  • impianti,
  • studi,
  • progettazioni,
  • lavori e servizi,
  • nonché semilavorati o beni intermedi destinati in via esclusiva ad essere integrati in beni di investimento.
 
Possono essere ammessi all''intervento anche le forniture di semilavorati o beni intermedi purché destinati in via esclusiva ad essere integrati in beni di investimento.
 
Se inclusi nel prezzo della fornitura, sono ammissibili all''intervento:
 
- i compensi di mediazione e/o di agenzia nella misura massima del 5% del valore della fornitura;
- le subforniture di merci e servizi di origine comunitaria, sempreché diversi da materie prime e da semilavorati e nei limiti previsti dalla normativa UE (vedi Parte I dell''allegato alla lettera Circolare SIMEST n. 4/2013).

 

REGOLAMENTO DEL IL PREZZO DELLA FORNITURA

Il prezzo dei beni esportati deve essere corrisposto dall''acquirente/committente estero nel modo seguente:
 
  • - una quota almeno pari al 15% viene regolata in contanti entro il "punto di partenza del credito" (spedizione/consegna o, nel caso di impianti "chiavi in mano", collaudo preliminare);
  • - il restante 85% viene rimborsato in rate al massimo semestrali, di norma consecutive ed uguali, la prima delle quali non oltre sei mesi dal "punto di partenza del credito".
Gli interessi, calcolati ad un tasso non inferiore al CIRR (Commercial Interest Reference Rate) sul debito residuo in linea capitale a ciascuna scadenza, vengono pagati al massimo semestralmente.
 

CARATTERISTICHE DELLA DILAZIONE DI PAGAMENTO CONCESSA ALL''ACQUIRENTE ESTERO

DURATA:
  • la dilazione di pagamento deve essere pari o superiore a due anni dal punto di partenza del credito.
 
  • La durata massima deve rispettare gli accordi internazionali in relazione alla categoria del Paese debitore ed alle tipologie di operazioni.
 
TASSO A CARICO DEL DEBITORE ESTERO (TASSO AGEVOLATO):
  • I tassi d''interesse minimi (CIRR) sono stabiliti mensilmente in sede OCSE in relazione alle differenti valute di denominazione del credito all''esportazione.
  • Essi sono determinati sulla base delle quotazioni di titoli pubblici a medio/lungo termine a cui viene sommato un margine dell''1%.
 
  • Il tasso CIRR viene fissato durante la fase di negoziazione dell''operazione o al momento della stipula del contratto con la controparte estera e resta fisso per tutta la durata della dilazione.
 
  • I CIRR, sono resi noti dall''OCSE (oecd.org) e dal Ministero dello Sviluppo Economico (sviluppoeconomico.gov.it/).
 
  • Quanto sopra non esclude l''applicabilità di tassi agevolati diversi dal CIRR nel caso di operazioni espressamente disciplinate da accordi internazionali di settore.
 
VALUTA DEL FINANZIAMENTO:
 
  • Il finanziamento concesso dalla banca all''impresa italiana esportatrice a fronte del credito da questa accordato all''acquirente estero (credito fornitore) o direttamente alla controparte estera (credito acquirente), può essere denominato in Euro ed in tutte le principali valute.
 
  • La valuta di denominazione del finanziamento deve essere uguale a quella del contratto di fornitura.
 
GARANZIE SUL FINANZIAMENTO:
 
  • L''intervento non è subordinato al rilascio di garanzie da parte dell''esportatore.
  • Inoltre, ai fini dell''ammissibilità, la garanzia assicurativa della SACE non è obbligatoria.

 

PAESI VERSO CUI ESPORTARE

Tutti i paesi del mondo ad eccezione di quelli per i quali il Consiglio dell''Unione Europea abbia adottato misure restrittive.
 

 

IL CREDITO FORNITORE

LE FORME DI FINANZIAMENTO PIÙ FREQUENTI SONO:
 
 
A - Sconto pro soluto o pro solvendo di titoli di credito
 
  • A fronte delle rate del piano di ammortamento (capitale + interessi) vengono emessi dal debitore estero titoli di credito (promissory notes o bills of exchange) che l''esportatore provvede a scontare sul mercato interno o estero con girata piena o senza ricorso.
 
  • Lo sconto è effettuato a tasso fisso di mercato, con deduzione degli interessi in via anticipata ed accredito all''esportatore del netto ricavo.
 
  • Su richiesta di una banca italiana intermediaria o dell''esportatore (nel caso di sconto sul mercato estero), si corrisponde, in un''unica soluzione, un contributo in conto interessi pari alla differenza tra il netto ricavo degli effetti al tasso di sconto di mercato (ritenuto congruo e nei limiti ammissibili) e il valore attuale degli stessi al tasso CIRR pagato dall''acquirente estero.
 
  • La misura del margine congruo riconoscibile è pari all''1% o all''1,125% a seconda che l''importo dello smobilizzo sia rispettivamente superiore o uguale a 3 milioni di euro o inferiore a 3 milioni di euro.
 
  • Quanto indicato per i titoli di credito si applica anche allo sconto di crediti assistiti da lettere di credito irrevocabili, da lettere di garanzia irrevocabili e autonome, da lettere di credito "stand-by" irrevocabili.
 
 
B - Finanziamento all''esportatore
 
  • L''esportatore ottiene da una banca un''anticipazione a tasso fisso CIRR a fronte del credito concesso alla controparte estera.
 
  • Su richiesta della banca, che opera con raccolta a tasso variabile, si effettua un "intervento di stabilizzazione del tasso" in base al quale, per ciascun semestre, si calcola la differenza tra gli interessi al tasso di finanziamento della banca (Libor/Euribor + spread nella misura ammissibile) e gli interessi al tasso CIRR corrisposto dal debitore estero;
 
  • Si paga alla banca la differenza se positiva, mentre si incassa se negativa.
 
  • Lo spread riconoscibile è pari all''1% o all''1,50% a seconda che la durata del periodo di rimborso sia rispettivamente inferiore o uguale a 10 anni oppure superiore a 10 anni.

 

CREDITO ACQUIRENTE O FINANZIARIO

Il credito acquirente si realizza qualora una banca italiana/estera (ovvero un consorzio di banche) stipuli una convenzione finanziaria con l''acquirente estero per la concessione di un credito a medio/lungo termine al tasso fisso basato sul CIRR.
 
Mediante prelievi sulla convenzione finanziaria, l''acquirente estero regola in contanti l''esportatore italiano, contro documenti di spedizione/esecuzione della fornitura.
 
Così come nel caso del credito fornitore con anticipazione bancaria, tramite un intervento di stabilizzazione la banca finanziatrice, a fronte della corresponsione del tasso CIRR, ottiene, in termini di ritorno sull''operazione di finanziamento, un tasso d''interesse di mercato basato sul proprio costo della raccolta a tasso variabile (Libor/Euribor) + lo spread nella misura ammissibile.
 
I margini sul costo della raccolta (Euribor/Libor) sono riconosciuti in relazione alle caratteristiche del finanziamento e in base alle condizioni prevalenti sul mercato al momento dell''istruttoria.

 

DOMANDA

La richiesta è presentata dalla banca italiana o estera.
 
Limitatamente alle operazioni di smobilizzo a tasso fisso (sconto) sul mercato estero, la richiesta può essere presentata direttamente dall''esportatore.

La richiesta deve essere formulata sul modulo di domanda (o in conformità ad esso) e corredata della documentazione in esso elencata
 
Conclusa l''istruttoria, e comunque entro 90 giorni dalla data di ricezione dell''ultimo documento necessario alla valutazione dell''operazione, la domanda viene presentata al Comitato Agevolazioni per l''approvazione.
 
Con la lettera di ammissione all''intervento si comunica anche il nome del responsabile della struttura organizzativa competente per l''erogazione del contributo.
 

COSTO

Per l''attività di supporto al credito all''esportazione non si addebita alle imprese esportatrici alcuna commissione.
 
 

MAGGIORI INFORMAZIONI

RICHIEDI


VUOI UN APPUNTAMENTO PER UNA CONSULENZA PROFESSIONALE?

chiedi appuntamento 2 Giallo

SEI UN PROFESSIONISTA ESPERTO? COLLABORA CON NOI

COLLABORA CON NOI

COLLABORA

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SUI CONTRIBUTI E LE AGEVOLAZIONI? ABBONATI.

ABBONAMENTO XABBONATI

LEGGE MEZZOGIORNO

DECRETO MEZZOGIORNO

SEI UN PROFESSIONISTA? COLLABORA CON NOI.

NUOVE IMPRESE A TASSO ZERO

iNVITALIA.NUOVE.IMPRESE.TASSO.ZERO.2017.250

BANDI EUROPEI, SME Instrument

HORIZON 2020 SME INSTRUMENTS

NO PROFIT ONLUS ECONOMIA SOCIALE

MISE ECONOMIA SOCIALE

RESTO AL SUD

RESTO AL SUD

AZIENDE VITTIME DI MANCATI PAGAMENTI

finanziameti.alle.pmi.vittime.di.mancati.pagamenti

NUOVA SABATINI AGEVOLAZIONI PER ACQUISTO BENI STRUMENTALI

NUOVA SABATINI 2017 2018

SMART START ITALIA - START UP INNOVATIVE

SMART START ITALIA GIOVANI E DONNE

START AND GO

BASILICATA START AND GO 2

Iscriviti alla Newsletter gratuita

SUPER AMMORTAMENTO 140%

super.ammortamento.140 2016

LIFE (2014-2020) Programma per l’ambiente e l’azione per il clima

AMBIENTE.PROGRAMMA.LIFE

MOSTRA AGEVOLAZIONI VIGENTI NAZIONALI

CONCORSI E PREMI

concorsi.e.premi.italia

CERCA

INVITALIA SELFIEMPLOYMENT

INVITALIA.SELFIEMPLOYEMENT

NUOVA SABATINI TER

FONDI EUROPEI

FINANZIAMENTI ALLE IMPRESE
fino a 12.500.000 euro

FONDI BEI

FONDI.BEI

PER LE IMPRESE ITALIANE

CHIEDI INFORMAZIONI

 

Internazionalizzazione: Programmi di inserimento sui mercati esteri

ISMEA NUOVO INSEDIAMENTO GIOVANI IN AGRICOLTURA

NUOVO INSEDIAMENTO GIOVANI

START UP NUOVE IMPRESE

finanziamenti a tasso zero

fino a 1.500.000

ISMEA.NUOVO.INSEDIAMENTO.GIOVANI.AGRICOLTURA.250

Chiedi informazioni

 

Ismea: Subentro e Ampliamento in Agricoltura

VISITA ITALIA CONTRIBUTI

VI INTERESSANO I CONTRIBUTI PER ALTRE REGIONI?

logobisbordino.250

CLICCA E VEDI LE ALTRE REGIONI